Tutti gli articoli di FrancoM

La misura corretta del debito pubblico

di Monica Montella e Franco Mostacci
pubblicato su Economia e Politica

Debito-pubblico-misura-corretta-640x281

L’attuale sistema dei conti nazionali (Sec2010), pone il conto patrimoniale a completamento della sequenza dei conti per settore che descrivono in maniera sistematica i diversi stadi del processo economico: produzione, generazione, distribuzione, redistribuzione e utilizzazione del reddito nonché accumulazione finanziaria e non finanziaria.

Continua a leggere

Conti economici europei 2016 per settori istituzionali

di Franco Mostacci
I conti economici europei per settore istituzionale 2016 - (rapporto statistico completo di tavole e grafici)

puzle-europa

Il rapporto mette insieme quasi un milione di numeri, che descrivono la sequenza dei conti in tre diverse dimensioni: la distribuzione geografica; l’evoluzione temporale dal 1995 al 2016; i settori istituzionali (società non finanziarie o imprese; società finanziarie; pubblica amministrazione; famiglie e istituzioni non profit; resto del mondo).

Continua a leggere

Pensioni: e se fosse il lavoratore a scegliere quando lasciare il lavoro?

di Franco Mostacci
pubblicato sul Foglietto della Ricerca

Pensione_anticipata

Nel contratto di governo tra Movimento 5 stelle e Lega è presente l’impegno a dare “fin da subito la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è almeno pari a 100, con l’obiettivo di consentire il raggiungimento dell’età pensionabile con 41 anni di anzianità contributiva, tenuto altresì conto dei lavoratori impegnati in mansioni usuranti”.

Continua a leggere

Sono ancora pochi gli occupati a tempo pieno per tornare ai livelli pre-crisi

di Franco Mostacci
pubblicato sul Foglietto della Ricerca
lavoro

Gli ultimi dati sul lavoro hanno inevitabilmente riacceso le polemiche. Chi ha governato negli ultimi cinque anni rivendica di aver riportato l’occupazione ai livelli pre-crisi grazie al Job Act, venendo, però, criticato da chi sostiene che il precariato stia prendendo il sopravvento sulle posizioni lavorative stabili e che il numero di ore lavorate sia ancora in flessione.

Continua a leggere